Al-Dabarān, “l’inseguitore”

Non ricordo  a quando risale questo mio tarlo per i nomi dati alle vie, ma nell’era di Google il nozionismo è rapidamente soddisfatto.

Aldebaran, chi era costui? Astro di color arancione che brilla nel cielo tra dicembre e gennaio, astrologicamente era una stella fortunata che portava ricchezze e onori. Per gli antichi Persiani insieme ad Antares, Regolo, e Fomalhaut era una delle quattro “stelle regali” guardiane del cielo, delle quali Aldebaran era la sentinella delle stelle dell’est.

Per i cinefili più accaniti il nome Aldebaran forse è meglio associato ad uno dei meravigliosi stalloni arabi di pelo bianco che con Aldair, Antares e Rigel tirano la quadriga di Ben Hur, mentre la mia superficiale ignoranza rinverdisce tra questi nomi (almeno per assonanza) ricordi calcistici di un amatissimo (per i loro tifosi) difensore della Roma ed uno del Verona.

Tanto curiosa l’origine etimologica del nome (in riferimento al sorgere di Aldebaran dopo le Pleiadi, e quindi sembra inseguirle), quanto  appassionata e visionaria la presentazione che ne fa Adriano Trombetta di colui che per primo salì e diede il battesimo alla via.

ALDEBARAN (Monte Castello) (A. Giorda anno 1982, poi rivisitata e sistemata da A. Trombetta e lo stesso Giorda nel 2005)

“Nel ’71 uno sbarbatello talentuoso comincia ad arrampicare sulle rocce del GranParadiso….. alla fine del decennio, mentre i suoi contemporanei tirano chiodi, lui apre vie “dritte” prendendo laschi inauditi….All’inizio degli anni ’80 lui “Scala” e senza neanche rendersi conto delle difficoltà che supera! …. Nel 1982 apre quasi in giornata Aldebaran, non rendendosi conto di quale opera d’arte firma…..prima che gli anni ’90 inizino viene ibernato!
Evo moderno….
Un sipario erboso cela agli occhi dei visitatori l’opera Giordiana…occorre riportarla alla luce!
E’ il “Fato” dunque che scongela Andrea, lo allena e lo invia a noi, gli dona un Makita ed una zappa…e la scultura risorge!”

Oramai prosciugato delle ultime energie spese nella lunga giornata, per tutto il viaggio di ritorno ci rimugino sopra: che impressioni mi sono rimaste? Ancora adesso rimango comunque con un vuoto di parole: semplicemente una salita di classe.

Salendo verso l'alpe Arculà, il Castello sullo sfondo

Salendo verso l’alpe Arculà, il Castello sullo sfondo

Torri rosse del Blanc Giuir

Torri rosse del Blanc Giuir

L1, Attacco di "Amitrax"

L1, Attacco dai primi 4 tiri di “Amitrax”

Registrazione della convergenza alle gomme su L2 ("Amitrax")

Registrazione della convergenza alle gomme su L2 di “Amitrax”

L3, "Più impressionante che difficile"

L3, “Più impressionante che difficile”

Dalla sosta di L3 "Amitrax"

Dalla sosta di L3 di “Amitrax”

L6, Un mostro sembra spalancare le fauci

L6, Un mostro sembra spalancare le fauci

IMG_0020

L6, Oplà, il dentista gli rifà il sorriso

L6, Oplà, il dentista non fa’ una piega e passa

L7, Pronta per la farcitura!

L7, Pronta per la farcitura!

Salgono le consuete nebbie

Salgono le consuete nebbie

L8, Strano diedro-camino

L8, Strano diedro-camino

L8, Enrico si prepara a imbottirlo con carne umana

L8, Enrico si prepara a imbottirlo con carne umana

"Attenzione agli attriti" dove lo avevamo letto...??? Intanto sopra si sta per consumare la tragedia

“Attenzione agli attriti” dove lo avevo letto…??? Intanto sopra si sta per consumare la tragedia

L12, Red carpet con uno sbrego netto da misura 1''

L12, Red carpet con uno sbrego netto misura 1”

Le soste e la linea approssimativa di salita

Le soste e la linea approssimativa di salita

Hits: 18

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.